Leoni. Lo mangiare e lo bere antico


 

A le mie labbra lo ho portato, dal piatto ove sta il pasto agognato;

Saltava nella mia bocca con vibrazione, a li occhi miei parea una visione;

Come de le trombe de li angeli un sono, cotanto cibo mai sembrò più bono.

A perfezione de lo pasto sta la chiusura, con lo nettare de nostra madre uva.



Storia di rievocazione eno-gastronomica. Questo è ciò che sta a fondamento della proposta culinaria di seguito riportata.

Studio storico, approfondimento della ricerca analitica, caratura filologica sono alla base dell’evoluzione delle ricette che hanno trascorsi lontani, che risalgono alle epoche celtiche e medievali.

Con lettura in chiave moderna - per ovvi motivi igienico-sanitari - le pietanze, tanto nel cibo quanto nei vini, sono il risultato di una elaborazione delle ricette che ci sono state tramandate nei secoli.

Oggi, a seguito di ricerche e studi attenti ed approfonditi, la “Taverna Leoni” presenta “Lo mangiare e lo bere antico".

Frutto di prove ed elaborazioni, le pietanze vogliono essere semplici, genuine, schiette, rustiche e, nel contempo, raffinate, mantenendo le caratteristiche originali che ne fanno, sempre e comunque, un unicum.

Gli ingredienti utilizzati richiamano terre diverse, vicine e lontane; da questi ingredienti nasce una miscela di profumi, di gusti, di essenze che vogliono rapire gli occhi degli avventori, il loro palato, la loro fame e sete di soddisfazione.

La presentazione estetica di questi piatti è, volutamente, spoglia, semplice.

Un banco a doppio fronte, costruito a mano, con un materiale semplice quale il legno, costituisce la tavola immaginaria su cui poggiare le preparazioni culinarie.

Cibi e vini si preparano sotto gli occhi delle persone; le fasi preliminari sono svelate, con movimenti semplici ma con occhio attento e conoscitore.

Tutto si mescola, tutto si diluisce, tutto si amalgama, sapientemente … ed il tempo lo trasforma nella sua forma finale pronta per farsi accogliere dai palati desiderosi di farsi stupire, di farsi compiacere.

Sotto la semplice copertura in tela, il cuoco e l’oste, a disposizione per chi volesse fare un viaggio “de lo mangiare e de lo bere” lontano nei tempi.

Venite quindi a SIBRIVM LANGOBARDORVM a scoprire e assaporare la buona cucina e il buon bere antico!
VI ASPETTIAMO NUMEROSI!